Il diritto di contare: trama, recensione in anteprima e trailer

Il diritto di contare: trama, recensione in anteprima e trailer Il diritto di contare: tre donne afroamericane che lavorano per la Nasa, tre donne che cambieranno il destino di molti.

Un’altra sera di cinema gratis e voi sapete cosa significa: anteprima. E’ un mesetto buono che so dell’uscita dell’anteprima e la sto aspettando sulle spine, questo film è davvero un evento.

Dunque mostro a mio marito il trailer e vista la temperatura e il mio stato di salute precario, mi imbacucco come un eschimese e si parte alla volta del cinema.

Storia vera, tratta dal libro Hidden Figures: The Story of the African-American Women Who Helped Win the Space Race di Margot Lee Shetterly.

Il diritto di contare: trama

America, anni ‘60.

Dorothy, Mary e Katherine sono tre donne di colore che lavorano per la NASA. Dorothy coordina il gruppo di calcolatori umani, donne nere che hanno una loro sezione a parte rispetto ai bianchi, senza avere né lo stipendio né la considerazione di un responsabile. Katherine è un genio, ha frequentato corsi per adulti da bambina e sa gestire qualunque calcolo. Il diritto di contare: trama, recensione in anteprima e trailerMary ha tutte le carte per aspirare ad un posto da ingegnere, che le è però precluso perché donna e nera.
La NASA ha di fronte un bel problema: i russi mandano razzi sullo spazio, gli americani non riescono a portare un lancio a buon fine.

Sullo sfondo le lotte per il riconoscimenti dei diritti degli afroamericani, la presidenza di Kennedy e le campagne del dottor King.

Katherine viene ingaggiata come matematico temporaneo nell’ufficio principale e sarà lei ad occuparsi dei calcoli dei lanci, delle traiettorie e dei recuperi. Un ufficio di bianchi, razzisti, in cui è considerata meno di zero.
Al Harrison, il principale, è tutt’altro che interessato alle questioni razziali, a lui interessa solo portare un americano nello spazio, poco importa se i suoi collaboratori siano bianchi, neri o gialli. Presto si renderà conto però che difatti la questione razziale è un ostacolo per il suo lavoro e per quello di Katherine.

Mary vuol fare domanda per frequentare una scuola di bianchi e Dorothy scopre nell’arrivo dell’IBM un’opportunità inaspettata per fare carriera ed avere finalmente il posto che le spetta.
S’innescano una serie di cambiamenti…

Il diritto di contare: recensione in anteprima

Film forte, orgoglioso e coraggioso. Il diritto di contare non è solo il diritto di ricoprire il ruolo per cui si è sudato, vedere riconosciuti i propri sforzi ma è anche il diritto di contare qualcosa, di non essere solo una “nera” o solo una donna, buona per allevare figli e stare in casa (non pensiate che la cosa non salti fuori).Il diritto di contare: trama, recensione in anteprima e trailer

Pregiudizio e diffidenza si annidano ovunque, anche nelle parole della responsabile bianca che afferma di non avere nulla contro gli afroamericani, spiazzata poi dalla risposta di Dorohy.

Attraverso il loro lavoro queste donne s’impongono, affermano i loro diritti, stabiliscono il loro ruolo in una gerarchia bianca e maschilista.
Sono da ammirare, come tutte le donne di ogni colore che lottano ogni giorno per il loro posto nel mondo e per i propri diritti.

Film importante, mai come ora attuale visto il ritorno al razzismo in cui l’America sta ricadendo.
Cast impeccabile e sicuramente in lizza per gli oscar, speriamo bene.
Molto consigliato.

Esce l’8 marzo.

***********   Il Diritto di Contare – TRAILER    ************

Ti è piaciuto? Votalo!
[Totale: 0 Media: 0]

Autore: Elisa

Condividi l’articolo sui Social!!

Lascia un commento!!